Pure

pure

liberi di respirare

Designer: Valeria Campaniello
Supporto scientifico: Carla Langella

PURE è un filtro nasale indossabile e adattabile alla morfologia anatomica che protegge le cavità nasali riducendo notevolmente l’inalazione di pollini allergenici.

diatomee e riccio marino

Le diatomee sono alghe brune, unicellulari ed eucariotiche che popolano sia le distese di acqua salata che di acqua dolce. Attualmente, le diatomee vengono utilizzate come indicatori di qualità dei corsi d’acqua, la presenza e la quantità di una o più specie, infatti, può determinare diverse caratteristiche del corso d’acqua.

Le diatomee, oltre ad essere estremamente utili per i fattori prima citati, presentano diverse caratteristiche fisiche e strutturali che la rendono una sorta di musa per il mondo del design bio-ispirato.

I ricci marini, invece, presentano diverse caratteristiche vincenti come la morfologia lobata delle spine.

3d printing

Grazie alla tecnologia di stampa 3D, è possibile creare innumerevoli tipi di PURE a seconda dei gusti personali.

results

more projects

Thumbio

thumbio

Un tutore composto da materiali innovativi

Designer: Clarita Caliendo
Supporto scientifico: Carla Langella, Carlo Santulli, Antonio Bove

Thumbio propone una nuova tipologia di tutore destinato a immobilizzazioni terapeutiche per patologie infiammatorie e degenerative della mano e del polso come rizoartrosi, artrosi, tendiniti e infiammazioni del pollice, malattia di Dupuytren, sindrome del tunnel carpale e malattia di De Quervain, definita anche texting thumb.

materiali di matrice naturale

In Thumbio si è scelto di progettare sia un tutore che il materiale con cui realizzarlo.

Nell’esposizione sono mostrati diversi campioni di materiali sperimentati per usi wearable e per questo tipo di applicazioni e il prototipo di tutore realizzato con una delle bioplastiche realizzata con amidi, liquido di governo di mozzarella di bufala e funzionalizzata con elementi vegetali, funzionalizzata con componenti vegetali fitoterapeutici, antibatterici, antidolorifici ed antiedemigeni per uso topico in forma di radici, foglie, fibre o fiori.

Con l’inserimento di una stecca in legno di betulla nella matrice bioplastica, può essere impiegato anche per piccole fratture per limitare alcuni movimenti.

results

more projects

Activeaid

active
aid

le potenzialità dello zoccolo di cavallo

Designer: Teresa Iavarone
Supporto scientifico: Carla Langella e Eugenio Ruocco

Bastone per anziani ispirato alla capacità dello zoccolo del cavalo di adattarsi a diversi substrati. Il manico è dotato di un sistema di chiamata di sicurezza e di un piccolo monitor di notifica connesso al telefono e può essere svitato e, grazie alla presenza di un elastico interno, usato per allenare le mani e le braccia.

zoccolo di cavallo

L’ispirazione arriva dal piede equino, ossia lo zoccolo del cavallo. Lo zoccolo del cavallo è composto da diverse parti: la muraglia, il fettone, le lamine e la suola.
Ognuna di queste parti ha diverse caratteristiche che permettono al cavallo di performare al meglio su qualsiasi terreno.

La muraglia, ad esempio, permette di proteggere la struttura interna e di sostenere e distribuire il peso del cavallo. La suola e le lamine si occupano di conferire al movimento del cavallo una forte aderenza e flessibilità. Il fettone, invece, si occupa di espandere letteralmente lo zoccolo in modo da poter peremettere a tutte le altre componenti di svolgere il proprio compito al meglio.

comodità ed innovazione

Il manico è dotato di un sistema di chiamata di sicurezza e di un piccolo monitor di notifica connesso al telefono e può essere svitato e, grazie alla presenza di un elastico interno, usato per allenare le mani e le braccia.

results

more projects

Caring

caring

un anello/tutore per falange, su misura

Designer: Benedetta Cuomo
Supporto scientifico: Carla Langella, Giovanni Iolascon e Gabirele Pontillo

CARING, è un anello – tutore per falange, fatto su misura, grazie al sistema di rilevazione e stampa 3D.

Include dei patch intercambiabili, adesivi usa e getta, con microaghi in gel, a rilascio graduale di principi attivi antiflogistici, antidolorifici e antinfiammatori che ha la funzione di alleviare le sintomatologie provocate dall’artrite reumatoide, tilogia che colpisce maggiormente le donne over 60, secondo i dati epidemiologici , e, nello stesso tempo, di attutire i microtraumi ripetuti da tastiera/ trackpad, che interessano soprattutto i giovani che utilizzano costantemente il cellulare/Pc.

le diatomee

Le diatomee sono alghe brune, unicellulari ed eucariotiche che popolano sia le distese di acqua salata che di acqua dolce. Attualmente, le diatomee vengono utilizzate come indicatori di qualità dei corsi d’acqua, la presenza e la quantità di una o più specie, infatti,  può determinare diverse caratteristiche del corso d’acqua.

Le diatomee, oltre ad essere estremamente utili per i fattori prima citati, presentano diverse caratteristiche fisiche e strutturali che la rendono una sorta di musa per il mondo del design bio-ispirato.

Dal punto di vista fisico le Diatomee presentano una parete cellulare silicizzata che forma una specie di guscio chiamato frustolo. Esso è costituito da valve che si sovrappongono chiudendosi l’una nell’altra, come una scatola con il suo coperchio. La caratteristica che salta più all’occhio è proprio la notevole presenza di pori su questo guscio.

La presenza di pori rende Caring traspirante, leggero e gradevole agli occhi. In più presenta una nervatura che percorre tutta la superfice dell’anello-tutore che rafforza la struttura rendendolo più resistente.

3d printing

CARING viene prodotto attraverso la scansione del dito del soggetto a cui è destinato e stampato tramite stampante 3D.

Il materiale utilizzato è MED610, un materiale PolyJet ™ trasparente che può essere colorato, biocompatibile  e approvato dal punto di vista medico per il contatto corporeo.
Il materiale è progettato per applicazioni mediche e dentistiche ed è approvato per la pelle permanente.

results

Il risultato di ciò è un anello-tutore funzionale, leggero e confortevole, concepito come una seconda pelle per cui il soggetto che lo indossa può trarne beneficio svolgendo, senza limitazioni, tutte le attività quotidiane.
Inoltre si presenta con un design piacevole ed elegante e per tale motivo adatto a qualsiasi occasione.

more projects

Care in Your Ring

cyr -
care in
your ring

design, biomimetica e digitale per il benessere

Designer: Giuliana Di Taranto
Relatore: Carla Langella

CYR – Care in your ring, è un kit di anelli pensati per la riabilitazione del sistema muscolare e linfatico del volto, causato da patologie di paralisi facciali, virali o dall’invecchiamento della pelle. Il kit si compone di una base (scafo dell’anello) e di diverse testine, ognuna delle quali si caratterizza da un colore e una texture differente studiata per per svolgere un determinato movimento sul volto. Le testine sono composte da una base uguale ma da una diversa texture che prende ispirazione dalla biomimetica. L’utente, mediante l’uso di questi dispositivi può porre rimedio a fastidi e a incovenienti al fine di alleviare dolori causati da patologie indesiderate e trarne benefici nel recupero di sensibilità, movimento e vigore.

la biomimetica

La biomimetica è una scienza relativamente giovane che esprime il nesso fra biologia e tecnologia, scienza e design, dove la scienza (biologia) rappresenta il modello primordiale a cui tendere e la tecnologia (design) il mezzo con cui riprodurne il funzionamento in materiali e strutture.

I movimenti più comuni nel massaggio del viso sono generalmente circolari, l’accoppettamento e l’arrotolamento. Per riprodurre ed accentuare il vantaggio di questi movimenti, era necessario effettuare una profonda ricerca di ispirazione biologica.

I riferimenti biologici sono stati selezionati in base alle esigenze che si volevano
adempiere e in collaborazione con una biologa specializzata in materia, si è partiti
dall’osservazione attenta di diversi organismi e delle loro caratteristiche, come ad
esempio il modo di nutrirsi, il modo di aderire a delle superfici ma anche semplicemente come il loro aspetto estetico possa dipendere da una loro esigenza di adattamento.
Le testine progettate sono cinque ed ognuna di essa prende ispirazione da un organismo differente, i quali sono: Geco, Farfalla, Polpo, Gatto e Foronidei.

Stampante polyjet

Il materiale necessario per la produzione dell’anello, doveva avere diverse caratteristiche: minimo impatto ambientale, alta resistenza, anallergico e anti-batterico.
La scelta è ricaduta su un materiale chiamato Agilus30 della Vero stratasys. Per la stampa con questo particolare materiale è necessaria una stampante Polyjet.

La PolyJet è una potente tecnologia di stampa 3D che produce parti, prototipi e strumenti rifiniti e accurati. Con una risoluzione degli strati microscopica e una precisione fino a 0,014 mm, può produrre pareti sottili e geometrie complesse utilizzando la più ampia gamma di materiali disponibile con qualsiasi tecnologia.

results

Le diverse testine, ispirate a diversi elementi naturali, permettono di riprodurre velocemente e comodamente una serie di massaggi per la cura del viso. L’aspetto estetico delle testine è estremamente gradevole e caratterizzato da colori ispirati alle stagioni.

more projects

Auxetic Neckbrace

auxetic
neckbrace

collare cervicale con struttura auxetica

Designer: Martina Panico
Team di ricerca: Carla Langella e Carlo Santulli
Partner: 3D Factory

Collare cervicale con struttura auxetica, rivolto alla salvaguardia del benessere del sistema neuromuscolare del rachide cervicale. Ha uno scopo preventivo poiché dissuade chi lo indossa dal tenere il capo inclinato in avanti, così come l’uso dei dispositivi portatili indurrebbe a fare; ma può avere anche funzione terapeutica per patologie cervicali con alterazioni non gravi perché sostiene leggermente il mento scaricando parzialmente i muscoli del collo dalle sollecitazioni meccaniche legate al sostegno della testa.

AUXETIC STRUCTURES

I metamateriali sono materiali le quali proprietà non dipendono dalla struttura chimica con la quale sono composti, ma semplicemente dalla loro struttura.
Gli auxetici sono un ottimo esempio di questa definizione in quanto quando sottoposti a trazione, grazie alla loro particolare struttura, tendono a dilatarsi invece che a restringersi come i normali materiali.
Questa caratteristica ne ha determinato anche il particolare nome dalle radici greche, ossia: “auxetikos”, “che tende ad aumentare”.
Il comportamento auxetico è presente in natura nella pelle di diversi animali: nei serpenti questa proprietà permette la possibilità di divorare prede di grandi dimensioni e nelle salamandre di riuscire a compiere movimenti bruschi evitando di sottoporre la propria pelle a eccessivi sforzi di trazione.

D.re.a.m. - Design and research in advanced manufacturing -fab lab

Il D.RE.A.M. – Design and REsearch in Advanced Manufacturing – Fab Lab è una realizzazione di Fondazione Idis – Città della Scienza, il parco scientifico e tecnologico di Napoli. Un grande laboratorio/officina e centro di sperimentazione dedicato alle nuove tecnologie di fabbricazione digitale e all’innovazione dei processi produttivi e distributivi. Il D .RE . A.M. Fab Lab è dotato di macchinari avanzati e di expertise manageriali, promuove attività di educazione, alta formazione, ricerca, sviluppo, internazionalizzazionee trasferimento tecnologico nel campo della manifattura avanzata.

Grazie al D.RE.A.M. è stato possibile realizzare diversi progetti attraverso l’utilizzo di stampanti 3D.

results

Scegliendo una strttura auxetica, quindi, il collare risulta più resistente, flessibile, traspirante e adattabile all’anatomia del collo nelle diverse posture, come una seconda pelle.

more projects